Musica Insieme a Stefano Bollani – L’elogio della bellezza

Giovedì 28 Novembre l’Orchestra Magister Harmoniae, fiore all’occhiello dell’Associazione Musica Insieme e Stefano Bollani, acclamato compositore-pianista-artista di fama internazionale, condivideranno il palcoscenico della Sala Concerti del Conservatorio “G. Verdi” di Torino.
L’evento, organizzato dall’”Associazione Musica Insieme” di Grugliasco (TO), ha un titolo che è senza alcun dubbio anticipatore delle intense e positive emozioni che ci pervaderanno durante la serata: “La musica racconta… la bellezza”.
ll 2019 è l’anno di Leonardo da Vinci. In occasione dei festeggiamenti per il 500° anniversario della sua morte, numerose sono state le iniziative di carattere culturale.
In questo contesto l’evento “La musica racconta… la bellezza – l’armonia da Leonardo a Bollani” si pone come trait d’union tra il progetto musicale-sociale-educativo dell’Associazione Musica Insieme e la celebrazione di Leonardo da Vinci che, con l’uomo vitruviano ha definito i canoni della Bellezza e dell’Armonia corporea.

La bellezza è intesa come armonia tra corpo e mente: la musica ne è il collante.

Il tema dell’Inclusione è da sempre insito nella Mission dell’Associazione Musica Insieme. L’evento è dedicato all’Associazione di Idee, che negli anni ha seguito ragazzi con sindrome di Asperger che hanno frequentato i corsi di musica e che può testimoniare con cognizione di causa quali e quanti siano i benefici della musica sul corpo.

Stefano Bollani è reduce dal trionfale successo dello spettacolo “Piano a Piano” con Chucho Valdés. Il tour ha toccato diverse città italiane e ieri sera si è concluso con un memorabile concerto presso l’Auditorium del Lingotto di Torino.

Stefano Bollani si è affermato come pianista jazz collaborando con grandissimi musicisti (Enrico Rava, Richard Galliano, Gato Barbieri, Pat Metheny, Bobby McFerrin, Chick Corea, Michel Portal, Franco D’Andrea, Martial Solal, Phil Woods, Lee Konitz, Han Bennink, Miroslav Vitouš, Antonello Salis, Aldo Romano, John Abercrombie, Uri Caine, Kenny Wheeler, Greg Osby, Hamilton de Holanda, Toninho Horta, Marcos Sacramento, Zé Renato, Monica Salmaso, Nilze Carvalho, Ná Ozzetti , Caetano Veloso, ….).
Ha inciso i classici di Gershwin (Rhapsody in Blue, Concert in F, Catfish Row e il raro Rialto Ripples) con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly e si è esibito come solista con orchestre sinfoniche come la Santa Cecilia di Roma, la Filarmonica del Regio di Torino, la Filarmonica della Scala, la Concertgebouw di Amsterdam, l’Orchestre de Paris, la Toronto Symphony Orchestra.
Si è esibito sui palchi più prestigiosi del mondo. Numerosi sono i premi e le onorificenze ricevute.
Stefano Bollani è anche compositore, scrittore, attore, fine umorista e showman.
Molti ricorderanno il suo progetto televisivo “L’importante è avere un piano”: sette appuntamenti in seconda serata su Rai 1 con ospiti, improvvisazioni e musica dal vivo.

Ma torniamo all’evento del 28 Novembre e partiamo dall’inizio. Lasciatemi raccontare la favola bella che ci ha portati a questo evento.
L’iniziativa, che vedrà protagonista questo insolito e per questo incredibilmente affascinante ensemble, non è altro che il nuovo capitolo di un libro che tre giovani musiciste – Concetta, Gabriella e Elena – hanno iniziato a scrivere nel settembre del 1992 fondando l’Associazione Musica Insieme.
La parola “Insieme” non è stata scelta a caso. Essa racchiude lo spirito di forte propensione alla socialità che l’insegnamento della “Musica” connota, il suo voler contribuire a formare giovani allievi educandoli oltre che all’apprendimento di uno strumento musicale, alla consapevolezza e alla ricerca della bellezza, all’amore per l’arte e al piacere della condivisione.

L’Orchestra Magister Harmoniae, formata da giovanissimi allievi di età dai 6 ai 20 anni, nasce nel 2010 in occasione di un concerto a favore dell’AIRC “Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro”.
L’orchestra è una realtà artistica di alto livello qualitativo in cui si esprimono la formazione musicale e orchestrale degli allievi dell’Associazione. Nell’ensemble sono coinvolti anche allievi in età adulta, gli insegnanti e musicisti professionisti sensibili al progetto.

Dal 2010, l’Orchestra si esibisce in eventi e spettacoli di grande impatto artistico ed emotivo ottenendo entusiastici consensi di pubblico e critica. Nel corso degli anni sono stati coinvolti alcuni importanti artisti del panorama musicale.

Il progetto “La musica racconta…” nasce nel 2017 con l’obiettivo di promuovere e diffondere la cultura musicale ponendo il focus su temi sociali, solidali, ambientali e della legalità.
Nel biennio 2017-2018 “La musica racconta…” si sviluppa con una serie di concerti dedicati alla vita di Peppino Impastato acquisendo il sottotitolo de “La musica racconta… Peppino Impastato”.
Il culmine del progetto è raggiunto con l’iniziativa “Tra Cinisi e Palermo… Musica Vs Mafia” svoltasi il 28 aprile 2018 a Palermo presso il Real Teatro Santa Cecilia e il 1 maggio a Cinisi con il Concerto “La Musica Racconta i 40 anni di Peppino Impastato” presso la Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato.
All’evento hanno partecipato insieme all’Orchestra Magister Harmoniae gli artisti Giò Di Tonno, Andrea Falanga, Giuseppe Battiloro e Alessandra Pavoni Belli.

Il biennio 2018-2019 è incentrato su una serie di eventi in cui il leitmotiv è “La musica racconta… la bellezza”.

L’ispirazione nasce da questo illuminante pensiero di Peppino Impastato.
“Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”.

Il progetto inizia il 9 dicembre 2018 con un concerto presso il Conservatorio di Torino alla presenza del Procuratore Giancarlo Caselli e numerosissime personalità del mondo musicale, artistico e politico.
A maggio del 2019 viene organizzato un viaggio musicale a Matera – Capitale Europea della Cultura 2019. L’Orchestra e il Coro Magister Harmoniae partecipano e vincono il 19° Concorso Internazionale per giovani musicisti e si esibiscono in un concerto dedicato alla Legalità e alla Giustizia in ricordo di Luca Orioli e Marirosa Andreotta.

Il motore propulsivo dell’Associazione è costituito da due donne e musiciste straordinarie coadiuvate da un gruppo di insegnanti d’eccezione e da un’instancabile staff organizzativo.
Concetta Rinaldi è Presidente dell’Associazione e Project Manager degli eventi, Elena Gallafrio riveste il ruolo di Direttore Artistico, Direttore dell’Orchestra ed è una stimata violinista.
Concetta e Elena sono le due facce della stessa preziosa medaglia. Le conosco e le ammiro da una vita. L’una è vulcanica, perennemente in movimento e perseverante, il suo motto credo possa riassumersi nella frase di Mandela: “Sembra sempre impossibile, finché non viene fatto”; l’altra è il cuore musicale e sensibile dell’Associazione, una perfetta armonia di dolcezza, professionalità e grinta. A lei attribuisco la frase di Dostoevskij “La bellezza salverà il mondo”.

L’excursus storico soprastante non è ovviamente esaustivo e non può coprire l’intero viaggio artistico ed educativo dell’Associazone: stiamo parlando di 27 anni dedicati a crescere e formare generazioni di allievi e – per intenderci – alcuni di questi allievi ora sono insegnanti della Scuola di Musica! Ed è qui, a mio avviso, che va ricercato il significato dell’impegno dell’ Associazione. Aver avuto la capacità di coinvolgere nel corso di questi anni i ragazzi e le loro famiglie nella bellezza di fare Musica Insieme. L’aver creato una grande comunità in cui insegnanti, allievi, famiglie, artisti, amici partecipano attivamente alla crescita, cura e diffusione di un bene comune.

Ed eccoci arrivati ai nostri giorni.
Il mio consiglio spassionato è: “Andate all’evento del 28 Novembre”.
“Perché?” mi domanderete.
“Perché assistere all’impegno, serietà, preparazione e serenità con cui questi ragazzi affronteranno questo spettacolo con Stefano Bollani, uno dei più grandi musicisti della nostra epoca, vi lascerà stupefatti e vi emozionerà. Perché ammirare come Stefano Bollani, nella sua incredibile maestria, poliedricità, umiltà, simpatia ed estro si rapporterà con questi ragazzi facendoli brillare di luce propria vi farà venire la voglia di tornare a casa e imparare a suonare uno strumento, scrivere, recitare, dipingere, danzare, dedicarvi a una qualsiasi forma d’arte che vi consenta di dare il “vostro e unico” contributo di bellezza a questo mondo.”

Se volete conoscere più approfonditamente l’Associazione Musica Insieme e le sue iniziative potete visitare il sito www.musica-insieme.net oppure i canali social Facebook, YouTube, Twitter e Instagram.
A questo link invece trovate la locandina dell’evento.





Laura Aduso

Laura Aduso

I Am Trying To Break Your Heart