Batman Pt. 3 – “…Batman rides!”

Bentornati alla terza parte di un viaggio sulle tracce del Cape Crusader, iniziato nel lontano 1939. Potete leggere la prima e la seconda parte dell’articolo cliccando qui, e qui.

Siamo nel 2005, anno in cui esce “Batman Begins”, un reboot totale della franchise, con trama, attori ed ambientazioni completamente nuovi. Il film ha le sue radici nel 2003, quando la Warner Bros commissiona una sceneggiatura a David Samuel Goyer, che ha collaborato in passato alla realizzazione dei videogames della serie “Call of Duty”, e alla sceneggiatura di “Dark City (1998), e ingaggia Christopher Nolan per la regia.
Le riprese del nuovo film iniziano in Islanda (scelta per rappresentare l’ambientazione delle scene nel Bhutan), con notevoli difficoltà derivanti dal clima inclemente e la difficoltà nel raggiungere l’area molto remota con le attrezzature. A differenza dei film precedenti, in cui Gotham City era interamente ricostruita, Nolan sceglie di girare scene cittadine a Londra, Chicago e New York; anche la famosa Wayne Manor (la favolosa residenza del miliardario alter-ego di Batman) cambia ancora, e viene scelta una delle passate residenze della famiglia Rotschild in Inghilterra. Il film torna anche alle atmosfere cupe e inquietanti che furono dei primi due film di Burton, e dei fumetti di Kane e Finger. Anche tutti gli altri ingredienti tipici del mondo di Batman sono presenti, e si evolvono da tutte le versioni precedenti: la Batcaverna (Batcave), la Batmobile e il Batcostume (Batsuit); viene invece ignorato il personaggio di Robin.Per il cast, Nolan e la produzione cercarono attori di fama affermata, e altri di popolarità crescente. Per il ruolo di Wayne/Batman venne scelto Christian Bale (la cui prima esperienza in campo cinematografico risale al 1987 quando aveva 13 anni, ne “L’Impero del Sole” di Spielberg, e più recentemente “American Psycho” (2000), “Reign of Fire” (2002) e T”he Machinist” (2004). L’immancabile Alfred, il fedele maggiordomo di casa Wayne, viene interpretato da un mostro sacro del cinema di tutti i tempi: Michael Caine. Nei panni del cattivo di turno (Villain) un altro viso molto popolare: Liam Neeson. Katie Holmes e Gary Oldman, rispettivamente nei panni di Rachel Dawes e del Sovrintendente Gordon contribuiscono ulteriormente alla nobilta’ del cast. Da notare anche la presenza di Rutger Hauer, Ken Watanabe (Godzilla), e dell’onnipresente Morgan Freeman.
La colonna sonora viene affidata a Hans Zimmer, già vincitore di un Oscar per le musiche di The Lion King (Il Re Leone) di Disney; Zimmer coinvolse anche James Howard (che aveva realizzato le colonne sonore di “Pretty Woman”, “Dinosaurs”, “Treasure Planet”). I due compositori utilizzarono un approccio molto interessante: considerando la evidente dicotomia della personalità di Bruce Wayne, di divisero il lavoro cosicché’ Zimmer compose le musiche che accompagnano le sequenze di azione in cui compare Batman, mentre Howard compose quelle a supporto delle scene in cui compare Bruce Wayne senza maschera. Per la realizzazione Zimmer si avvalse della collaborazione di alcune orchestre sinfoniche di Londra, e di una scuola di canto da cui si distinse un giovane soprano che accompagna le scene in cui le tormentate memorie dei genitori di Bruce riemergono. Le musiche fanno anche ampio ricorso a strumenti elettronici, nel tipico stile di Zimmer.
Come nei film di Burton, anche in questo caso le musiche accompagnano perfettamente le scene e le atmosfere cupe e sinistre del film. In una scena del film Bruce assiste al coro degli stregoni e delle streghe che cantano Rampiamo, Rampiamo Che Il Tempo Ci Gabba, dal “Mefistofele di Arrigo Boito.
Il film ebbe una ottima risposta di pubblico, e raggiunse il secondo posto in termini di incassi nella franchise di Batman (dopo il primo Batman di Tim Burton); anche la critica internazionale consacra Batman Begins come uno dei migliori film della saga dell’eroe mascherato, e soprattutto ne riconosce l’aderenza con le atmosfere del Comic originale.
Nel 2008 Christopher Nolan torna alla regia, dopo una parentesi con “The Prestige”, e dà vita al secondo film della nuova serie, “The Dark Knight”, e per la prima volta in assoluto il nome del supereroe non compare nel titolo. Bale indossa nuovamente i panni di Bruce Wayne/Batman, e nel film vengono confermati alcuni interpreti del film precedente, tra cui Michael Caine nei panni di Alfred, Gary Oldman e Morgan Freeman. Fa la sua comparsa il compianto attore Australiano Heath Ledger, che dà vita ad uno dei migliori Joker visti sullo schermo, e che scomparve tragicamente sei mesi prima dell’uscita della pellicola. Il film include anche un altro tradizionale nemico di Batman, Two-Face, ben interpretato da Aaron Eckhart.
La storia si ispira alla storia “The Killing Joke”, apparsa sul comic del 1940, in cui Joker fa il suo debutto ufficiale come Villain delle storie di Batman, e prende anche ampi spunti dalla serie animata del 1996 “The Long Halloween”, in cui viene narrata un’origine alternativa per Two-Face.
Il film venne girato in diverse città, tra cui Chicago, Londra e Hong Kong. A Londra venne scelta la centrale elettrica abbandonata di Battersea, che compare sulla copertina di un popolarissimo LP dei Pink Floyd. Per ben due volte, la prima proprio a Battersea, e la seconda a Chicago i residenti chiamarono le autorità pensando ad un attacco terroristico. Molti interni vennero girati ai famosi Pinewood Studios di Londra, che ha visto la realizzazione di produzioni di alto livello, quali i film di James Bond, e le serie televisive di Gerry e Sylvia Anderson.
I costumi e il look di Joker vennero disegnati da Lindy Hemming, una veterana del settore, con alle spalle pellicole quali James Bond (da GoldenEye a Casino Royale), Lara Croft e Harry Potter, ed un Oscar per “Topsy Turvy” del 1999. Il lavoro della Hemmings si discosta decisamente da quello dei predecessori, riuscendo a dare a Joker un aspetto meno irreale, e molto più sinistro.
La colonna sonora venne nuovamente affidata a Zimmer e Howard, ed ancora una volta venne eseguita con una combinazione di strumenti musicali ed elettronici. Il tema di chiusura del film precedente, che Zimmer intitolò semplicemente Batman Theme, viene ripreso due volte nel film. L’impressionante Why So Serious?, scritto da Zimmer per le scene con Joker, della durata di nove minuti venne paragonato dall’autore stesso ai lavori dei suoi connazionali Kraftwerk. Howard da parte sua contribuì alle scene di Two-Face con un brano struggente e molto melodico, intitolato Two-Face suit. Il film vinse il Grammy Award nel 2009 per la miglior colonna sonora.
La pellicola ebbe una enorme risposta di pubblico, ed in breve raggiunse l’apice della classifica di incassi per tutti i film di Batman; venne sorpassato solo dal film successivo, The Dark Knight Rises (vedi oltre).
La critica lo acclamò come il miglior film dell’eroe mascherato di tutti i tempi, ed uno dei migliori film di supereroi di sempre. Il film vinse anche due Oscar: per il suono, e Attore non Protagonista ad Heath Ledger, assegnato postumo.


Passano altri quattro anni, e nel 2012 Christopher Nolan (che nel frattempo aveva diretto ”Inception” nel 2010) dirige il terzo film della nuova serie: The Dark Knight Rises. Nei panni di Batman ancora una volta Christian Bale, ed ancora una volta Michael Caine, Gary Oldman e Morgan Freeman lo accompagnano. Nuovo film, e ovviamente nuovi Villains: dopo l’interpretazione di Michelle Pfeiffer del 1992, torna Catwoman, questa volta con il volto di Anne Hathaway, gia’ interprete della serie “Princess Diary”, e un anno prima di “Alice in Wonderland” di Tim Burton. Altre star presenti nel film Tom Hardy (“Black Hawk Down”) nella parte del supercattivo Bane, e l’attrice Francese  Marion Cotillard (“Taxi”,  ed “Inception” in cui venne diretta dallo stesso Nolan).
La sceneggiatura viene sviluppata da Nolan stesso, con la collaborazione del solito Goyer e di suo fratello Jonathan Nolan, ed é ispirata a due serie a fumetti: “Knightfall” del 1993 e “The Dark Knight Returns” del 1986.
Anche questa volta la colonna sonora viene affidata a Hans Zimmer, che aveva gia’ curato quella dei due film precedenti, e nel 2010 quella di Inception, confermando l’alto livello di collaborazione e stima reciproca raggiunto con Nolan. J.N. Howard viene nuovamente invitato a collaborare alle musiche, ma declina. Zimmer compone due brani che di distinguono nettamente: Bane’s Theme , e Deshi Basara, un coro ispirato alle musiche popolari marocchine ; per realizzare questo brano, Zimmer si avvalse delle voci di migliaia di utenti Internet, tramite una sottoscrizione di massa al progetto. Entrambi i pezzi riflettono ancora una volta le atmosfere cupe del film, e la personalità deviata sia di Bane, sia dello stesso Wayne/Batman.
Il lancio del film venne macchiato da un episodio sanguinoso, quando il 20 Luglio 2012 uno squilibrato aprì il fuoco sul pubblico in un cinema di Aurora, Colorado durante la proiezione del film, provocando 12 morti e 58 feriti. Questo episodio ebbe un impatto negativo sull’affluenza del pubblico nelle prime settimane di programmazione. Nonostante questa flessione, il film raggiunse ben presto livelli di risposta molto elevati, collocandosi al primo posto nella classifica di tutti i film di Batman della storia, sia negli USA sia nel resto del mondo, con un incasso totale di oltre un miliardo di dollari.
Anche la critica accolse favorevolmente la pellicola, posizionandola quasi allo stesso livello del predecessore “The Dark Knight”. Alcuni critici lo definirono “Un film di supereroi, senza un supereroe”.
Per contrastare il crescente dominio della scena cinematografica collegata ai supereroi del binomio Marvel/Disney, nel 2013 la Warner Bros lancia il DC Extended Universe, un universo cinematico in cui si muovono i supereroi della Detective Comics, ed in particolare il gruppo chiamato Justice League, di cui in origine facevano parte Batman, Wonder Woman, Superman, Flash, Green Lantern, Aquaman, e Martian Manhunter (Guardiano di Marte), e che col tempo ha acquisito (e perso) decine di altri componenti.
Il risultato di questa franchise sono due film: il primo uscito nel 2016 con il titolo di “Batman vs. Superman: Dawn Of Justice”, in cui Ben Affleck interpreta il cavaliere mascherato, e il secondo del 2017 intitolato “Justice League”, con lo stesso attore protagonista.

Negli anni passati sono anche state realizzate numerose serie TV a cartoni animati dedicate a Batman, alcune citate nell’articolo e riferite ad alcuni film. Di queste una sola venne anche distribuita nelle sale cinematografiche: “Batman Mask Of The Phantasm” nel 1993.
È da ricordare anche “The Lego Batman Movie”, in cui compaiono Batman, Robin, Batgirl, Joker e molti altri personaggi, tutti ovviamente in formato omini di Lego.
Nell’immediato futuro, e’ in programma un ulteriore reboot intitolato “The Batman”, programmato per il 2021, diretto da Matt Reeves (“Cloverfield”, e due pellicole della nuova serie di “Planet of the Apes”), ed interpretato da Robert Pattinson (che interpretò Cedric nella serie Harry Potter).

Marco Quaranta

Marco Quaranta

Marco Quaranta è nato a Torino, più di 20 e meno di 80 anni fa. 25 anni fa ha deciso che voleva vedere il mondo, e da allora ha vissuto dieci anni in Asia e quindici in Australia. Al momento vive a Melbourne. Marco é pazzo per la fantascienza, in tutte le sue forme. Gli piacciono anche il cinema, la musica e i giochi di ruolo.