R.E. Seraphin – Tiny Shapes (Paisley Shirt Records 2020)

Il power pop non dovrebbe essere solo divertimento, ma anche bellezza, passione quella più elementare, quella che è celata in fondo al desiderio umano. L’afrodisiaco più sottovalutato del mondo, un incantesimo gentile, un flusso di essenze e aromi che appagano il desiderio di fuga verso un altrove perennemente agognato. È un genere musicale ben definito, racchiuso in un ambito cronologico preciso, ma anche un’attitudine complessiva adattabile a band di epoche diverse. Per chi ama garage, folk rock, pop, glam, punk, psichedelia insomma la musica bella, ché di meglio al mondo non c’è. Se a tutto ciò ci aggiungete un tocco di Paisley Underground, quello di un manipolo di ragazzi californiani con le chitarre elettriche, i pantaloni e i capelli fuori moda, avete Paisley, Power e Pop. Per ciò che mi riguarda qualcosa o qualcuno che si è molto amato e che si ama in un’eterna zuffa con la nostalgia.
R.E. Seraphin (Talkies, Apache, Buzzer) e il suo primo album da solista, “Tiny Shapes”, sono esattamente questo, canzoni seducenti, dall’”hook” killer che ti si appiccicano addosso e ti restano in testa. “Tiny Shapes” esce su Paisley Shirt, etichetta di San Francisco, manifesta nel votarsi fin dalla ragione sociale al “part time punk” che alberga dentro ognuno di noi (TV Personalities, The Boy In The Paisley Shirt). Accompagnato dalla sezione ritmica degli ex Talkies (Owen Kelley al basso e Phil Lantz alla batteria), si avvale della produzione di Jay Leal, già collaboratore di Tony Molina e Bill Baird, a proposito di piccoli straordinari artigiani del folk rock dall’urgenza approssimativa e dalla melodia irresistibile. Dieci titoli, “dieci piccoli indiani”, in meno di mezzora di musica, di chitarre compresse in DIY su uno storytelling che evoca sentimenti di perdita e pentimento in quel processo di rimozione del passato tipico della scrittura di Peter Perrett e Paul Westerberg. E quindi se l’iniziale “Today Will Be Kind” è il Steve Wynn di “Kerosene Man”, la successiva “The Score” mi procura un timido bruciore alle orecchie come negli Sugar più pop. “Exploding Head” è custodita nei riff di Phil Seymour mentre “Bend” alza il volume dei finali. “I’d Rather Be Your Enemy” in meno di due minuti ribalta l’originale di Lee Hazlewood (“Well, it’s a game, it’s a shame/Sometimes you don’t win/Don’t we do what, others do when/I see you again”), con “Fortuna” e “Streetlight”, i due singoli, è di nuovo revival Paisley perché va bene sforzarsi di mantenere un minimo di oggettività storica e di neutralità, ma se hai avuto vent’anni nel 1987 non puoi aspettarti analisi asettiche. “Hear Me Out”, la più lunga dell’album, sfida la raffinatezza del pop californiano di Thrills e Beachwood Sparks laddove “Safe To Says” è un breve modello del cupo romanticismo byroniano degli Only Ones. Nella rarefatta oscurità di un Robert Foster inibito da una sussurrata sensibilità Paisley “Pillar Of Shame” chiude il disco.
La nostalgia, si sa, è canaglia. Perché come la memoria è traditrice, e questo, è un disco che fa letteralmente a pugni con la nostalgia. È solo nostalgia? Ma chi se ne frega. E’ di nuovo il 1988: le vecchie fanzine, le trasmissioni in FM, quel Bucketfull of Brains nascosto tra i libri durante una lezione all’Università, la mia motocicletta. Nel corso del weekend ho ascoltato solo questo disco. Oggi, anni dopo, non è neanche più questione di fare del revival. Significa semplicemente essere garanti di un linguaggio musicale. E comunque le canzoni qui sono incantevoli e, anche se non volano otto miglia su, in alto, siamo almeno a sei, a sette. Thanks Ray.

Power pop should not only be fun, but also beauty, passion the most elementary one, the one that is hidden at the bottom of human desire. The most underrated aphrodisiac in the world, a gentle spell, a flow of essences and aromas that satisfy the desire to escape to an eternally coveted elsewhere. It is a well-defined musical genre, enclosed within a precise chronological framework, but also an overall attitude adaptable to bands from different eras. For those who love garage, folk rock, pop, glam, punk, psychedelia, in short, beautiful music, because there is no better in the world. If you add to all this a touch of Paisley Underground, that of a handful of Californian guys with electric guitars, pants and old-fashioned hair, you have Paisley, Power and Pop. As far as I’m concerned, something or someone you’ve loved and you love in an eternal brawl with nostalgia.
R.E. Seraphin (Talkies, Apache, Buzzer) and his first solo album, “Tiny Shapes”, are exactly that, seductive, killer hook songs that stick to you and stay on your head. “Tiny Shapes” comes out on Paisley Shirt, a San Francisco label, which manifests itself in voting from the company name to the “part time punk” that lives inside each of us (TV Personalities, The Boy In The Paisley Shirt). Accompanied by the rhythmic section of the former Talkies (Owen Kelley on bass and Phil Lantz on drums), he avails himself of the production of Jay Leal, former collaborator of Tony Molina and Bill Baird, about small extraordinary folk rock musicians with a rough urgency and irresistible melody. Ten titles, “ten little Indians”, in less than half an hour of music, of guitars compressed in DIY on a storytelling that evokes feelings of loss and repentance in that process of removing the past typical of Peter Perrett and Paul Westerberg‘s writing. And so if the initial “Today Will Be Kind” is the Steve Wynn from “Kerosene Man”, the following “The Score” gives me a shy burning in my ears like in the more pop Sugar. “Exploding Head” is kept in Phil Seymour‘s riffs while “Bend” turns up the volume of the amps. “I’d Rather Be Your Enemy” in less than two minutes turns up Lee Hazlewood‘s original (“Well, it’s a game, it’s a shame/Sometimes you don’t win/Don’t we do what, others do when/I see you again”), with “Fortuna” and “Streetlight”, the two singles, is again revival Paisley because it’s okay to strive to maintain a minimum of historical objectivity and neutrality, but if you had twenty years in 1987 you can not expect aseptic analysis. “Hear Me Out”, the longest of the album, challenges the sophistication of Californian pop from Thrills and Beachwood Sparks where “Safe To Says” is a brief model of the gloomy Byronian romance of Only Ones. In the rarefied darkness of a Robert Foster inhibited by a whispered sensitivity Paisley “Pillar Of Shame” closes the album.
Nostalgia, you know, is rogue. Because like memory is treacherous, and this is a record that literally punches with nostalgia. It’s just nostalgia? But who cares. It’s 1988 again: the old fanzines, the FM broadcasts, that Bucketfull of Brains hidden among the books during a lesson at the University, my motorcycle. All I listened to over the weekend was this record. Today, years later, it’s not even a question of revival anymore. It simply means being a guaranteer of musical language. And anyway the songs here are lovely and even if they don’t fly eight miles high, we’re at least six, seven. Thanks Ray.

Click to buy: R.E. Seraphin – Tiny Shapes (Paisley Shirt Records 2020)

Riccardo Magagna

Riccardo Magagna

"Credo in internet, diffido dello smartphone e della nuova destra, sono per la rivalutazione del romanticismo e dei baci appassionati e ho una grande paura dell'information overload"